Gli artisti del Flamenco

 I chitarristi: Gerardo Nuñez, Javier Conde e Manuel Silveria Fernández

Gerardo Nuñez 

l'artista Gerardo Nuñez 

il chitarrista Gerardo Nuñez

Gerardo Nuñez nasce a Jerez de la Frontera (Cádiz), nel 1961.
Inicia a studiare la chitarra flamenca con Rafael el Águila, e ben presto comincia a collaborare assiduamente con la Cátedra de Flamencología Della sua città.
A soli 14 anni già accompagnava figure di primo piano del cante flamenco di Jerez, como Tío Gregorio el Borrico e Terremoto.
Nella sua carriera ha inciso dischi con moltissimi cantaores, come El Turronero, Pansequito, Indio Gitano, Carmen Linares, oltre che come solista, completando con la produzione discografica la sua attività di concertista e di creativissimo compositore.
Come musicista e compositore ha preso parte a moltissimi spettacoli, comprese parecchie produzioni teatrali, esibendosi in tutto il mondo.
E’ uno dei chitarristi più preparati, e ha al suo attivo esperienze di jazz e di altri generi musicali: si può dire che Gerardo Nuñez sia uno dei casi più convincenti di fusione fra il suono jondo del flamenco più puro con altri generi musicali, riuscendo a creare suoni intermedi che rispettano le culture musicali di riferimento.
Compone musica di enorme richezza e complessità, senza mai perdere la sua radice flamenca, e come interprete ha capacità tecniche da vero virtuoso.  Nella sua innumerevole discografia, si notano “Calima”, “Juncal” e “Cruce de caminos”.
La sua sperimentazione musicale è totale, molto moderna, e giunge a fare Della sua musica una musica da ascolto basata sul flamenco.
Gerardo Nuñez si muove sulla tastiera della chitarra con grande libertà, dando ampio spazio espressivo ai musicisti che lo accompagnano.
Anche nei momento in cui il suono acquista Maggiore grinta, resta sempre molto tranquillo e concentra la sua forza nelle mani, sorride, ride, canta la melodia che sta suonando.

Javier Conde 

giovane chitarrista Javier Conde 

Javier Conde 1988

Nato in Estremadura, a Cáceres, il 25 Dicembre 1988, Javier Conde è uno dei chitarristi più giovani del panorama flamenco di oggi.

Vive il flamenco con grandissima intensità e passione, dedicando allo studio tutto il suo tempo.
Si dedica alla chitarra flamenco con una grande meticolosità, desiderando superare se stesso, e ponendo molta attenzione all’ascolto di tutti i grandi tocaores.
Il suo modo di suonare colpisce per il suo livello tecnico impressionante. Le sue dita sono in grado di muoversi sulla tastiera della chitarra a grandissime velocità senza perdere minimamente la pulizia del suono e senza esitare nel compás.

Centrale nella sua formazione e preponderante sulla sua vita personale la figura del padre- maestro- manager

José Antonio Conde, chitarrista professionista, allievo del maestro Andrés Batista. Inizia a suonare la chitarra all’età di 4 anni.

Moltissimi i premi prestigiosi che ha ricevuto:
– 1º premio nel concorso “Ateneo de Córdoba”. (Córdoba, 2002).
– 1º premio “Paco de Lucena”, a Lucena, (Córdoba, 2002).
– 1º premio nel VI Certamen Internacional de Guitarra Flamenca “Ciudad de Jaén”, (Jaén, 2003).
– 1º premio nel XXIV Concurso Nacional de Guitarra Flamenca “Torre del cante”. Alhaurín de la Torre (Málaga, 2004).
– Premio “Bórdon minero”, al XLIV Festival Internacional del cante de las minas de La Unión (Murcia 2004).

Ha effettuato numerosissimi concerti in tutta Spagna e in diversi paesi europei, condividendo il palcoscenico con figure di primo piano del panorama attuale del flamenco. Ha collaborato all’incisione di diversi dischi.

Manuel Silveria Fernández

Manuel Silveria Fernández alla chitarra

Il chitarrista Manuel Silveria Fernández

Manuel Silveria Fernández nasce a Córdoba nel 1966.
E’ fra quei giovani chitarristi che molto presto iniziano a sentire una vera afición per la chitarra flamenca, e in pochi anni giunge a livelli molto alti di professionismo, mantenendosi sempre in grande allenamento per offrire performances ottimali.

E’ uno dei chitarristi di accompagnamento preferiti dalle più grandi figure del cante flamenco, come Fosforito, del quale è stato per anni il chitarrista ufficiale, Luis de Córdoba, El Pele, Calixto Sánchez, Carmen Linares, Julián Estrada, ecc.

Il suo curriculum è piuttosto ampio: ha partecipato a numerosi festivales, accompagnando artisti di primo piano, ed ha partecipato alla incisione di diversi dischi. con tema flamenco.

Nel 1989 riceve la spinta definitiva della sua carriera con la vittoria, al Concurso Nacional de Córdoba, del premio “Manolo de Huelva”, per l’accompagnamento di baile e cante e nello stesso anno ottiene l’incarico di chitarrista d’accompagnamento alla Escuela Superior de Arte Dramático y Danza di Córdoba. La sua chitarra è stata usata per la sigla del programma della Televisione Spagnola “Arte y Artistas Flamencos”.

E’ un tocaor dotato di capacità fuori dal comune. Le sue note suonano come una cascata di perle perfette, di una mirabile precisione tecnica.
Si dice di lui che abbia un dono speciale per l’improvvisazione, e che per questa ragione la sua chitarra suona in modo tanto meraviglioso. Ha anche una aficion smisurata che lo porta ad essere un profondo conoscitore di tutti i generi del flamenco, ed una incredibile intelligenza musicale che gli permettono di rinnovare quasi completamente il suo repertorio di anno in anno, da sempre.

 

sabina

Sabina ha iniziato a ballare prima ancora che a camminare. E forse non sa ancora camminare tanto bene neppure adesso, perché senza danza non può proprio stare. Danza come espressione e comunicazione e come maniera per esistere