Alejandro Vega

Alejandro Vega, Alejandro Corsi Oliveira

Alejandro Corsi Oliveira, in arte Alejandro Vega, nacque a  Huelva nel 1910 e morì a Madrid nel 1980.
E’ stato un bailaor molto importante.

bailaores flamenchi Alejandro Vega

Alejandro Vega

González Climent, in Flamencología, faceva un interessante confronto fra il suo stile e quello di Antonio: “Antonio è senz’altro il miglior ballerino andaluso. E’ unico. Ma Alejandro Vega è il miglior bailaor flamenco. Antonio ha il genio dell’equilibrio. Vega ha il genio della sorpresa. L’uno ha l’estetica del progetto, l’altro segue la legge della passione. Antonio è l’angelo. Vega è il Duende. Antonio è tutta l’Andalucía. Vega rappresenta un punto qualunque del triangolo classico compreso fra Cádiz, Sevilla e Jerez”.

Come Vicente Escudero, Vega credeva nella profonda influenza del mondo della tauromachia sulle dinamiche del baile flamenco. “Vado a vedere le corride per osservare gli atteggiamenti dei toreri, i cui modi mi ispirano una infirnita serie di suggestioni  che trasporto in seguito nei miei spettacoli. Considero i toreri più come bailaores che come tecnici della corrida “.

Ebbe per anni una sua compagnia, con la quale fece moltissimi spettacoli. Chano Lobato cantò per anni nella compagnia e Matilde Coral vi danzò.

Alejandro Vega ammirava moltissimo Pilar López, della quale diceva che era ancor più che la sua maestra o una sua amica, sua sorella.
Lo possiamo ammirare nel film “Duende y misterio del Flamenco”, del 1952, di Edgar Neville, accanto a Pilar López, e nel IV volume dell’enciclopedia in video “Rito y geografia del Baile”, in cui balla por Peteneras.

sabina

Sabina ha iniziato a ballare prima ancora che a camminare. E forse non sa ancora camminare tanto bene neppure adesso, perché senza danza non può proprio stare. Danza come espressione e comunicazione e come maniera per esistere