Bernardo Parrilla

Bernardo Parrilla, Càdiz 1969

 

violinista musicista Bernardo Fernández Gálvez

Strumentista Bernardo Fernández Gálvez

Bernardo Fernández Gálvez nasce a Jerez de la Frontera (Cádiz) nel 1969.
Di famiglia gitana dedita per tradizione alla musica, è figlio del chitarrista Juan Parrilla. Suo zio è il chitarrista Parrilla de Jerez.
Si può dire che Bernardo Parrilla stesso incarni il ruolo del violino nel flamenco. E’ il violino flamenco per antonomasia.
Ha iniziato la sua carriera professionale con i suoi fratelli Juan, flautista, e Manuel, chitarrista, nel trio “Alburejo”. Ama e rispetta il flamenco tradizionale ma anche altri generi musicali, soprattutto il jazz di Stéphane Grappelli.
E’ un profondo conoscitore del flamenco, e ha suonato con moltissimi artisti, come Enrique Morente, i Ketama, Remedios Amaya, Carmen Linares, Joaquín Cortés, Antonio Canales, Manolo Sanlúcar, Tomatito per non citarne che alcuni.
Nel 2002 presenta un suo gruppo, il Bernardo Parrilla Quinteto, al festival di Jerez, con Juan Parrilla, al flauto, Ramón Jiménez, alla chitarra, Fernando Anguita, al contrabbasso e Luqui Losada, alle percussioni.
Vive a Madrid.
Ha collaborato a tantissimi cd:
“Misa Flamenca” di Enrique Morente, 1991
“Gitanos de la plaza”, di Ramón El Portugués, 1992
“Alegrías de Cascorro” di Augustín Carbonell “El Bola”, 1995
Encunetro con el “Katana College of percussion”, 1995
“Lo mejor que tengo” di Pedro Ojesto, 1996
“Barrio negro – Guitarra Gitana” di Tomatito, 1997
”Gipsy Passion Band” tratto dagli spettacoli di Joaquín Cortés, 1997
“Entre vareta y canasta” di Diego el Cigala, 2000
“Mira”, di Jorge Pardo, 2001
“Quiero”, del Pedro Ojesto Trío, 2004
“Raíz Flamenca” di Enrique de Melchor, 2005

sabina

Sabina ha iniziato a ballare prima ancora che a camminare. E forse non sa ancora camminare tanto bene neppure adesso, perché senza danza non può proprio stare. Danza come espressione e comunicazione e come maniera per esistere