Il Flamenco a Milano รจ il Mosaico Danza. Corsi, Lezioni, Seminari di Flamenco, Palos Flamenchi, Musica dal Vivo
mosaicoflamenco - il portale italiano del flamenco

Joaquín Rodrigo Vidre
Marqués de los Jardines de Aranjuez, 1901-1999

 

 rodrigo_y_victoria_250

joaquin_rodrigo_classica_e_flamenco_250Joaquín Rodrigo nasce a Sagunto, vicino a Valencia nel 1901, all'età di tre anni perde la vista a causa di un epidemia di difterite.

All'età di otto anni incomincia i suoi studi a Valencia, solfeggio, violino e pianoforte.
Poi armonia e composizione con i maestri Francisco Antich, Enrique Gomá ed Eduardo Chavarri. Le sue prime composizioni datano 1923.

Nel 1927 si trasferisce a Parigi entrando nella scuola di musica dove studia composizione con Paul Dukas che gli dimostra una predilezione speciale facendolo suo discepolo.
Viene presto conosciuto come pianista e compositore negli ambienti musicali parigini ed   instaura rapporti di amicizia con Ravel, Milhaud, Honneger, Stravinski e Manuel de Falla.
Nel 1933 si sposa con la pianista turca Victoria Kamhi che sino alla fine sarà la sua compagna inseparabile e più assidua collaboratrice. Nel 1940 ha luogo a Barcellona la prima assoluta del Concierto de Aranjuez per chitarra e orchestra, chiaro esempio della sua personalità compositiva. Prima opera che gli avrebbero dato fama universale.joaquin_rodrigo_francobollo_ocho_duros_250 rodrigo_e_victoria_al_piano_250Rodrigo si mantiene fedele alla sua estetica che egli amava definire 'neocasticismo' praticando la tradizione tonale, il gusto per le forme classiche con l'incorporazione di elementi colti come trait d'union tra la forte tradizione spagnola ed il suo presente.

La musica di Rodrigo rappresenta un omaggio alle diverse culture spagnole, si ispira alle più sfaccettate manifestazioni dell'animo del suo paese; dalla storia iberico romana fino ai testi dei poeti contemporanei.

Rodrigo è tra i compositori del novecento che ha mantenuto l'estetica da concerto, ossia lo sviluppo della stesura musicale classico ottocentesco.
Ha coltivato la canzone, alla quale ha dato un linguaggio nuovo e universale creando opere maestre come 'Cántico de la esposa' o 'los Cuatro madrigales amatorios'.

Oltre alle opere per pianoforte ha creato importanti composizioni per violino,violoncello, e flauto. Importante la sua apportazione al repertorio per chitarra, contribuendo all'accettazione di questo nobile strumento nella composizione per concerto.

joaquin_rodrigo_con_don_juan_carlos_e_sofia_300Dal 1940 onori e omaggi si succedono ininterrottamente. Membro della 'Real Academia de Bellas Artes de San Fernando' nel 1950,joaquin_rodrigo_vidre_250 Dottore Honoris Causa in diverse università spagnole e straniere riceve la 'Gran Cruz de la Orden de Alfonso X el Sabio', 1953; la 'Legión de Honor' concessa da l governo francese, 1963; la 'Gran Cruz del Mérito Civil', 1966; il 'Premio de la Fundación Guerrero', 1990; ed il 'Premio Príncipe de Asturias de las Artes', 1996.
Nel 1991 il Re Juan Carlos I gli concede il titolo nobiliare di 'Marqués de los Jardines de Aranjuez', 'per la sua strordinaria contribuzione alla musica spagnola alla quale ha apportato nuovi impulsi in una priezione universale'. Joaquín Rodrigo scompare a Madrid il 6 di luglio del 1999 circondato dalla sua famiglia.