Il Flamenco a Milano รจ il Mosaico Danza. Corsi, Lezioni, Seminari di Flamenco, Palos Flamenchi, Musica dal Vivo
mosaicoflamenco - il portale italiano del flamenco

Le nacchere

Le Nacchere in spagnolo sono dette castañuelas (lett. piccole castagne) e chiamate più comunemente palillos (lett. piccoli legni) in Andalucía, sono piccoli strumenti a percussione di tipo idiofono (gli strumenti idiofoni sono quelli che producono un suono con l’utilizzo del materiale stesso, senza avere parti in tensione).

 Sono costituite da due pezzi ovali che erano anticamente di legno o di avorio e oggi sono spesso di tela pressata, di fibra di vetro o di altri materiali sintetici. Hanno una forma concava, come le valve di una conchiglia, e proprio la conca crea la cassa di risonanza. Nelle nacchere usate per la danza teatrale, spesso, vengono scavate delle scanalature che creano più sonorità, come se le casse di risonanza fossero più di una.

Le due parte della nacchera sono legate fra loro con una corda regolabile, che le fissa da un lato, per cui le due parti possono muoversi fra loro da un lato. La corda viene poi fissata al pollice di chi suona, facendone passare una parte fra l’unghia e l’articolazione fra le falangi del dito, e un’altra parte al di sopra dell’articolazione. Vengono tenute nel palmo della mano, e suonate percuotendone con le dita la parte esterna.

Le nacchere vengono usate in bailes non del tutto flamenchi, come le sevillanas o il fandango.

Possono anche essere usate in accompagnamento di altri generi, come la Siguiríya, la Alegrías o la Solea, però sempre meno di frequente. Non sono quindi, contrariamente a quanto si crede comunemente, una parte fondamentale del baile Flamenco.

Fra L’altro, limitano tantissimo le possibilità espressive di braccia, mani e spalle.

Nella danza classica spagnola, invece, sono praticamente insostituibili, per cui si può dire che le nacchere sono fondamentali nella danza spagnola ma marginali nel flamenco.

Per acquisire l’elasticità e la forza necessaria a suonarle occorre molto esercizio regolare e metodico.

Chi studia questo strumento ne copre una parte legando un elastico alto un paio di centimetri su una nacchera in modo da attutirne il suono squillante durante gli esercizi.